Il corrispettivo CMOR

Home - Il corrispettivo CMOR

Che cos’è il corrispettivo CMOR?

Il corrispettivo CMOR, disciplinato dall’art. 2.2 del TISIND (Sistema indennitario a carico del cliente finale moroso), è un indennizzo che può essere richiesto per crediti relativi a consumi e oneri della fornitura non pagati nei 5 mesi precedenti alla data di switch out (cambio fornitore).

Come funziona il CMOR?

  • Applicazione: L’indennizzo viene addebitato al cliente insolvente dal nuovo gestore del POD (punto di prelievo) o PDR (punto di riconsegna) tramite il corrispettivo CMOR, inserito in bolletta o in una fattura separata.
  • Calcolo: L’importo del CMOR è commisurato a 4 mesi di fornitura (anche non consecutivi) degli ultimi 12 mesi prima dello switch out. Tuttavia, non può superare il credito relativo ai 5 mesi precedenti lo switch out e può includere eventuali CMOR precedentemente fatturati e non riscossi.
  • Fatturazione: Le fatture devono essere già rilevate o conguagliate in caso di stime.

Richiesta del CMOR

L’utente uscente (il precedente fornitore del cliente) deve presentare la richiesta di indennizzo al SII tramite il proprio Utente del Dispacciamento:

  • Tempistica: La richiesta può essere fatta dopo 6 mesi e fino a 12 mesi dalla data di switch out.
  • Procedura: La richiesta viene caricata sul SII tramite file nei formati definiti nelle Specifiche Tecniche.

Requisiti per l’indennizzo

Per poter richiedere l’indennizzo, devono essere soddisfatte le seguenti condizioni:

  • Il cliente deve essere stato costituito in mora, con comunicazione contenente l’informativa sull’applicazione del CMOR.
  • Il cliente deve essere inadempiente al pagamento nei termini della costituzione in mora.
  • Il credito non deve includere corrispettivi per ricostruzione dei consumi dovuti a malfunzionamenti del misuratore.
  • L’indennizzo deve essere superiore a 10 €.
  • Il POD o PDR deve essere ancora attivo e non volturato.

Tempistica del processo

  • Periodo di maturazione del credito: 5 mesi.
  • Switch out (M): Dopo 6 mesi è possibile richiedere l’indennizzo.
  • M+7: Richiesta di indennizzo.
  • M+13: Accettazione della richiesta (se il cliente finale paga il debito, l’utente uscente deve richiedere l’annullamento).
  • M+17: La CSEA (Cassa per i Servizi Energetici e Ambientali) versa i corrispettivi CMOR all’utente del dispacciamento.
  • M+18: Versamento all’utente uscente.